orologi meccanici movimento meccanico orologi meccanici

"Il tempo è l'unica cosa che possiedi, ma è la prima cosa che ti manca."







cronografo meccanico a carica manuale


M E N U'


Perche' meccanico?

L'orologeria nei secoli

Vademecum tecnico

La produzione

Epoca e ricambi

Links





Cartier: storia e produzione

Vacheron Constantin


| TORNA AL MENU' PRODUZIONE| COLLEGATI AL SITO UFFICIALE |



Vacheron & Constantin calendario perpetuo e ripetizione


Parlando di questa importante casa, occorre dire subito che è una della più antiche marche di orologi e una delle prime ad unire due personaggi illustri.
Jean Marc Vacheron era già famoso come orologiaio nel 1755 a Ginevra. I suoi affari andavano molto bene, prima che nel 1789 scoppiasse la rivoluzione francese.
Questo evento gli fece perdere quasi tutta la clientela che era perlopiù composta da nobili e da persone illustri, in quel periodo cadute in disgrazia. L’azienda si trovò in gravi difficoltà e i suoi discendenti dovettero fare molti sacrifici per salvarla. Da soli però non sarebbero probabilmente riusciti, serviva perciò un socio che investisse dei capitali freschi.

Vacheron & Constantin chronomètre royal Lo trovarono in Francois Costantin. Costantin era figlio di un ricco negoziante di cerali che aveva già avuto esperienza del settore, come venditore di orologi e conosceva pertanto anche i mercati.
L’azienda così riprese quota e nel 1839, vantava come collaboratore un validissimo orologiaio ed inventore: Georges Auguste Leschot. Grazie a macchinari evoluti e ai procedimenti lavorativi in serie, ma di precisione, messi a punto dal Leschot vennero fabbricati dei movimenti di alta qualità, con prezzi assolutamente imbattibili.
Nel 1880 la casa fece brevettare la croce di Malta come suo simbolo.

Nel 1910 la Vacheron & Costantin affianca ai suoi apprezzati orologi da tasca di qualità, la produzione orologi da polso, sempre con uno standard qualitativo elevato.
Negli anni seguenti continua la produzione articolata su varie tipologie: modelli semplici, complicati, cronografi, ripetizioni e calendari, con casse di vari diametri e forme. I movimenti per questi orologi da polso sono forniti dalla Jaeger Le Coultre, con la quale strinse un’alleanza commerciale. Col passare degli anni, l’alleanza si rafforzò e le due case decisero, nel 1938 di collaborare in modo ancor più stretto.

Questo non eliminò però le difficoltà che frattanto aveva incontrato la Vacheron & Costantin sul mercato. Nel 1940, Charles Costantin se ne va, contento di cedere la maggioranza delle azioni a Georges Ketterer.
Nel corso dei decenni che seguirono, la Vacheron & Costantin assume sempre più la caratteristica di produttrice di orologi di lusso, con movimenti scelti, forniti sempre dalla Le Coultre.
All’inizio degli anni ottanta, il marchio è acquistato dallo sceicco Yamani. Dal 1996 il miliardario sud africano Johann Rupert assume la presidenza dell’azienda del gruppo Vendome.


T O P








©La riproduzione totale o parziale del sito senza autorizzazione è vietata