orologi meccanici movimento meccanico orologi meccanici

"Tarda fluit pigris, velox operantibus ora - l'ora trascorre lenta per i pigri, veloce per chi lavora."







cronografo meccanico a carica manuale


M E N U'


Perche' meccanico?

L'orologeria nei secoli

Vademecum tecnico

La produzione

Epoca e ricambi

Links





Cartier: storia e produzione

Universal Geneve


| TORNA AL MENU' PRODUZIONE| COLLEGATI AL SITO UFFICIALE |



Universal Geneve compax


Descombes e Perret è il nome della nuova casa che nasce nel 1894 nel piccolo villaggio tra i monti Giura denominato Le Locle.

La prima pubblicità ci fa sapere che i due fabbricanti hanno l’intenzione di realizzare “in casa”, casse, quadranti e movimenti, oltre ad altri accessori. Questa unione però, non dura molto.
Nel 1897, Georges Perret si associa a Luis Berthoud per fondare la maison “Perret e Berthoud”.
Il marchio prescelto e registrato il 2 settembre 1898, è “Universal Watch”, che diverrà poi famoso.

Il debutto della nuova casa, avviene con la fabbricazione di cronometri completi e con la commercializzazione di cronografi e di orologi di tutti i tipi. Ovviamente sono orologi da tasca, dati i tempi! Nel 1917 avviene la presentazione di un cronografo da polso di grande calibro, con movimento di 17 linee. Dato il successo di questo orologio, i due titolari decidono di trasferire la sede della casa a Ginevra, dove risulta più facile esportare il loro prodotti verso paesi esteri.
Verso il 1920, presentano un orologio con carica ad otto giorni per le ferrovie, denominato “Uso Ferrovie”.

Universal Geneve 'cabriolet' - 1929 Privi di un gruppo di investitori dalle grandi ambizioni e di consistenti mezzi economici, Perret e Berthoud faticarono non poco a sopravvivere ai difficili anni trenta e alla crisi economica determinatasi in quel periodo.
Grazie però alla loro abilità, Louis Berthoud e Raoul Perret, figlio di Georges, presentarono in pieno periodo di crisi, un’attraente collezione di orologi di precisione che furono coronati da grande successo, specialmente nei paesi mediterranei. Questo fece la loro fortuna.

Nel 1936, l’ Universal, ormai ben conosciuta ed affermata, fece delle grandi campagne pubblicitarie per il suo cronografo “Tipo coloniale”, veramente speciale, perché dotato di “cassa stagna”, ovvero di movimento completamente protetto dalla polvere e da tutti gli eventi climatici.
Nel 1937 l’Universal depositò un brevetto per il primo movimento (calibro) cronografico dotato del contatore supplementare delle 12 ore. I modelli, ora particolarmente apprezzati e ricercati dai collezionisti sono il “Compur” e il “Compax”. Tra questi ricordiamo i Compur cronografi con calibro Universal 289 di 10 ½ linee. L’Aero Compax, con quadrante supplementare delle 12 ore, il Medico Compax con la scala di misura per la pressione, il Tri Compax, modello crono a calendario completo, con indicazione delle fasi di luna e il Dato Compax, versione più semplice, con datario a 12 ore.

Nel 1958 l’Universal presenta un movimento automatico con ricarica a micromotore.
Sotto l’egida della Bulova, divenuta nel frattempo proprietaria della Universal, dal 1967 al 1977, vengono fabbricati degli orologi da polso a diapason, brevetto della stessa Bulova.

Nel 1986, il marchio “Montres Universal S.A. è venduto al gruppo Stelux.


T O P








©La riproduzione totale o parziale del sito senza autorizzazione è vietata