orologi meccanici movimento meccanico orologi meccanici

"Utere non reditura - approfittane, ...l'ora... non tornerà più."







cronografo meccanico a carica manuale


M E N U'


Perche' meccanico?

L'orologeria nei secoli

Vademecum tecnico

La produzione

Epoca e ricambi

Links





Cartier: storia e produzione

Jaeger LeCoultre


| TORNA AL MENU' PRODUZIONE| COLLEGATI AL SITO UFFICIALE | IL CALIBRO 101 |



Jaeger Le Coultre Reverso


All’inizio del 1700 il mondo dell’orologeria è dominato da Francia e Inghilterra, due grandi potenze marittime, le cui flotte hanno bisogno di strumenti e segnatempo precisi per la navigazione ed è per questi motivi che vengono raggiunti eccellenti livelli di produzione.
La loro supremazia viene però minacciata, verso la metà del 1800 dagli orologiai svizzeri che iniziano a produrre in grandi quantità ottimi orologi e a costi accettabili. In questo modo, gli orologi personali, ritenuti dapprima uno status symbol, diventano accessibili ad un pubblico più vasto e contemporaneamente in orologeria si delineano nuove tendenze.

Jaeger Le Coultre Grand Réveil Uno dei principali artefici di questa evoluzione è Antoine Le Coultre che fabbrica macchine capaci di produrre componenti di una precisione sino ad allora sconosciuta e impensabile. E’ lui infatti che inventa il milionometro (misuratore meccanico del millesimo di millimetro) e converte l’orologeria al sistema metrico.
Nel giro di pochi anni, la “Le Coultre e C.ie”, questo il nome della fabbrica fondata nel 1833 a Le Sentier, deposita un centinaio di brevetti. Dal 1880 la manifattura si specializza anche nella creazione di orologi complicati (cronografi, ripetizione a minuti ecc...) e si conquista una posizione di primo piano tra i più grandi nomi dell’orologeria svizzera e nel 1890 è in grado di proporre ben 125 calibri diversi.
Nel 1903 viene creato il movimento più sottile del mondo (ultrapiatto) per orologi da tasca: solo 1,38 mm. E’ un record tutt’ora imbattuto! Segue subito dopo un cronografo dello spessore di 2,8 mm. e un ripetizione a minuti di 2,7 mm.!

Il diffondersi poi degli orologi da polso apre alla “Le Coultre” ampi orizzonti, anche se le geniali creazioni della maison continuano ad essere proposte anche in altri settori (ad esempio nel 1928 nasce "atmos", una rivoluzionaria pendola in cui la forza motrice è garantita da un barometro e non necessita quindi di carica). Per i minuscoli orologi Art Decò dell’epoca, viene ideato nel 1925, il Duoplan, un movimento rettangolare con ruotismi disposti su due piani. Nel 1929 nasce il calibro 101, un vero miracolo di miniaturizzazione e tutt’ora il calibro meccanico più piccolo del mondo (98 componenti, lungo 14 millimetri, largo 4,86 mm e spesso 3,4 mm; peso inferiore ad 1 grammo!! Vedi schema del calibro). Nel 1931 nasce un capolavoro che si può definire immortale: il Reverso, consacrazione dell’arte decorativa.

Nel decennio 1950-1960 si susseguono innovazioni e creazioni. Il cronometro Geomatic e il Geophisic, il Futurematic, senza corona di carica, il Memovox, primo svegliarino da polso.
Durante gli anni '70 grande successo hanno gli orologi misteriosi: si tratta di segnatempo privi delle lancette, in cui l'ora è indicata grazie ad un sistema basato su dischi girevoli.
Nel 1989 nasce il Grand Revéil che è a tutt'oggi l'unico svegliarino automatico con calendario perpetuo e fasi di luna.
Negli anni '90 le innovazioni proseguono e, tra le tante novità, ricordiamo la serie celebrativa dei nuovi Reverso: al celebre orologio vengono applicate le grandi complicazioni dell'alta orologeria e nascono nuovi capolavori di tecnica e di stile.

La Jaeger Le Coultre continua tutt’ora a stupirci con creazioni geniali, di grande valore tecnico e impatto emotivo.


T O P








©La riproduzione totale o parziale del sito senza autorizzazione è vietata