orologi meccanici movimento meccanico orologi meccanici

"Ruit hora - il tempo corre."


Perché meccanico?
Il club
Il C.I.C.O.M.
Storia
Vademecum tecnico
Mercatino
La produzione
Libri e pubblicazioni
Epoca e ricambi
Risponde l'esperto
Newsletter
Links


HOME
Mappa del sito
Scrivi








Patek Philippe
calendario perpetuo
con fasi di luna







Universal Geneve
cronografo
'compax'



Orologi meccanici a carica manuale




L'estetica e gli stili degli orologi


TORNA ALLA PAGINA PRINCIPALE




Alcune tipologie di casse:
1)circolare; 2)quadrata; 3)rettangolare;
4)tonneau (botte); 5)tortue (tartaruga); 6)ovale.


In principio erano soltanto circolari e questa caratteristica di stile si era talmente diffusa che sono tutt'ora denominati "di forma" tutti quei modelli che non rientrano nella geometria del cerchio che ha sempre accompagnato la storia dell'orologeria tradizionale.

Questa forma la si riscontrava particolarmente negli orologi da tasca, quando le casse circolari sembravano essere l'unica forma possibile (vuoi per praticità e vuoi anche per la tecnologia di allora).

Col nuovo secolo (a cavallo del primo decennio del novecento) le cose cambiano. Sono gli orologi da donna i primi a trasferirsi ai polsi (da monachine, orologi spille, ecc...), con la caratteristica di rimanere però sempre ben in vista e pertanto di attrarre l'attenzione, facendosi notare.

Tutto questo richiedeva un attento studio delle forme e dei contenuti per soddisfare chi li acquistava e poi indossava, magari abbinandoli a sfarzosi vestiti (erano gli anni della "belle epoque"). Negli anni 20 però, anche gli uomini (la prima guerra mondiale ha portato una vera inversione di pensiero) cominciarono a richiedere massicciamente orologi da polso, giudicati molto più comodi e pratici oltrechè una sorta di "status symbol" da mostrare (evoluzione dei costumi). Cosicchè dal 1930 in poi la produzione degli orologi da polso prima eguaglia la produzione di quelli da tasca e poi avviene il sorpasso definitivo a tutto favore dei "polso".

Lo straordinario periodo dell'Art decò e la grande evoluzione formale che viene compiuta in quel periodo nei costumi è sicuramente uno dei più interessanti capitoli della storia del design. L'orologio certo non poteva sottrarsi, anzi...! Alle classiche casse circolari (che però erano intanto divenute extrapiatte), si affiancano così quelle quadrate, rettangolari, galbè (rettangolari con gli spigoli rotondi), tonneau (a botte), tortue (guscio di tartaruga) e ovali, tanto per citare solo le principali. Dopo le casse, non potevano non aggiornarsi anche le lancette che vengono stilizzate e modernizzate e i quadranti che adottano perlopiù la numerazione araba o romana.



Alcune tipologie di lancette:
a)a pera; b)breguet; c)dauphine; d)bastone; e)foglia; f)alpha.




TOP



©La riproduzione totale o parziale del sito senza autorizzazione è vietata